lunedì 7 dicembre 2015

Organi sessuali come strumenti musicali






Tu sei come uno strumento.
Sdraiata vicino a lui, ti cinge il collo
con un braccio, in modo da riuscire a toccare il seno;
allunga l'altra mano verso il tuo sesso
e ti tocca.
E tu ti senti un po' come un violoncello,
suonata da un uomo con una mano sotto
e una sopra.

Ti stuzzica il capezzolo,
strimpella il clitoride,
dopo infila un dito
e poi un altro.
Spinge a fondo,
poi torna sul clitoride,
sei bagnata e vieni,
lui affonda le dita
dentro di te,
asseconda i movimenti del tuo bacino.

Sei avvolta da lui,
ti cinge ancora il collo e
mentre vieni strapazza 
il capezzolo.

Ti guarda fisso
mentre godi.
poi ti bacia
e ti copre,
perché fa freddo.


5 commenti:

Proserpina Lieve ha detto...

bello!

UnLupoinToscana ha detto...

Bello poetico, poco da dire. Apprezzo nonostante il mio animo decisamente poco poetico; e difatti ho subito pensato: "ma allora un'orchestra sinfonica si potrebbe assimilare a un bukkake"..... - apprezzo sempre queste tue incursioni nell'erotismo, peso e meno peso!

Emanuele Amaranto ha detto...

Tanto per andare controcorrente, il tuo blog era non piu' raggiungibile, fa piacere che sei tornata.

Sexybility ha detto...

Grazie Proserpina :)
Caro Lupo, non mi sorprende perché ormai ti conosco :D ma mi fa piacere che apprezzi sempre!
Emanuele, grazie, il piacere è mio ^__^

paolo prof ha detto...

Quando il feedreader dice che c'è un tuo post è sempre giuoia